Processo civile telematico: obbligo di iscrizione ai Registro Generale degli Indirizzi Elettronici e informazioni sugli adempimenti richiesti - Prime indicazioni

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Circolare CONAF  numero 37/2004

 

Egregi Presidenti,

come già comunicato in precedenza, a seguito della riforma del nostro sistema. di Giustizia e all'introduzione del cosiddetto processo telematico, tutte le comunicazioni ed il deposito degli atti In qualità di Professionisti ausiliari del Giudice (CTU, Custodi, ecc) a partire dal prossimo 30 giugno 2014, dovranno avvenire esclusivamente pei via telematica, in altri termini non sarà più possibile ricevere o consegnare documentazione, nomine e comunicazioni in forma analogica.

Le cancellerie dei tribunali a partire dalla suddetta data non potranno accettare/inviare alcuna consegna con materiale cartaceo

La materia è disciplinata da vari decreti tra cui il RM, di Giustizia n.44 del 21 febbraio 2011 e il Provvedimento 16 aprile 2014 dello stesso Ministero di Giustizia che indica le specifiche tecniche e il regolamento per l'adozione del processo telematico

 

Per adempiere alle nuove regole è indispensabile e necessario essere in possesso di

I. Smart card per l'identificazione del Professionista e per l'apposizione della firma digitale sulla documentazione pei cui il professionista ha ricevuto incarico (circolare CONAF n.10/2011);

2. Valido indirizzo di posta elettronica certificata (PRO (circolare CONAF n.24/2009).

Ai sensi del citato D.M. 44/2011, tutti gli indirizzi PEC dei professionisti debbono essere registrati in apposito elenco (Redinge) da cui i Tribunali potranno attingere per tutte le comunicazioni Come già reso noto con le circolari n 54/2013 e 14/2014 del 24/02/2014 per tutti gli Iscritti all'Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali ha già provveduto il CONAF attraverso invii massivi ivi e relativi aggiornamenti di coloro che sono ovviamente in possesso di PEC.