Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina a Salerno martedì 23 settembre 2014 ore 11 presso il Centro Agroalimentare in via Mecio Gracco - Zona Industriale

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina incontrerà la categoria martedì 23 settembre 2014 alle  ore 11 presso il Centro Agroalimentare di Salerno in via Mecio Gracco - Zona Industriale.

Nel corso dell'incontro il Ministro illustrerà le novità per il settore agricolo introdotte dalla legge 11 agosto 2014, n. 116  Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico.

Le implicazioni della norma sono state oggetto di valutazione del Consiglio nel corso della seduta dell'11 settembre 2014.

 

Il Consiglio ha valutato che con la conversione in legge del D.L. 24 giugno 2014 n. 91 il governo si è posto l’obiettivo di dare slancio al sistema dei controlli semplificando i procedimenti amministrativi, di prevedere nuove misure finalizzate alla sicurezza alimentare della collettività, e di rilanciare complessivamente il comparto agricolo in particolare sostenendo le imprese agricole a conduzione giovanile. Le nuove disposizioni sono contenute negli otto articoli del Capo I della legge 11 agosto 2014, n. 116 che tra l’altro, richiamando l’urgenza dell’intervento statale, si propone anche di incentivare il prodotto Made in Italy come misura per aumentare la competitività del settore agricolo nazionale. Le misure governative cercano un rilancio del settore occupazionale agricolo, e quindi cercano di favorire nuove occasioni di lavoro per i giovani incentivando la guida delle imprese agricole da parte degli stessi. Il tentativo è perseguito facendo leva su misure strutturali di incentivo fiscale per l’assunzione di giovani, previste fino al 2017.

La spinta alla sburocratizzazione e semplificazione dei procedimenti nel settore agricolo e la razionalizzazione dei controlli hanno indotto il Governo ad introdurre, secondo una logica giuridica comunitaria indirizzata alla prevenzione prima della repressione, l’istituto della diffida amministrativa nei controlli effettuati in materia agroalimentare.

Con la stessa logica il decreto approvato prevede uno sconto per le violazioni alle norme in materia agroalimentare per le quali sia prevista la sola sanzione amministrativa pecuniaria, se consentito il pagamento in misura ridotta, qualora il pagamento della sanzione avvenga entro cinque giorni dalla contestazione o dalla notificazione.

Il Consiglio dell'Ordine di Salerno, di concerto con la segreteria particolare del Ministro, avvierà un ciclo di incontri tecnici sulle novità introdotte la normativa ed i suoi riflessi sull'attività professionale. Vi chiediamo pertanto di far pervenire alla segreteria dell'Ordine, le vostre osservazioni e proposte.

Si rimette in allegato il testo del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91coordinato con la legge di conversione 11 agosto 2014, n. 116

In evidenza

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sui temi di interesse della categoria.

Formazione online

Cerca nel sito

contatore visite

990601
OggiOggi744
Mese correnteMese corrente22700
TotaleTotale990601
US

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo