Il reddito negli Albi resta una questione di genere

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Il Sole24ore di lunedì 26 ottobre ha pubblicato una interessante ricerca a firma di Michela Finizio e Valeria Uva relativo al divario retributivo uomo/donna tra gli iscritti ai diversi albi e collegi professionali. A prescindere dalla categoria (agronomi, architetti, ingegneri ecc.) emerge che le donne continuano a guadagnare in meno rispetto ai colleghi maschi.

La ricerca si basa sui redditi degli iscritti alle Casse professionali nel quinquennio 2009-2013, elaborata nell’Infodata del Sole 24 Ore.

Per quanto la nostra cassa di previdenza (Epap) si ha che, nel 2013, su 19.618 iscritti circa il 19 % pari a 3.735 sono donne.

 

Il reddito medio dei colleghi maschi riferito al 2013 è stato di € 23.679,00. Quello delle colleghe donne di € 14.405,00 inferiore del 39,2%.

Dobbiamo dare ragione ai autori della ricerca, purtroppo il "Reddito negli Albi resta una questione di genere"

Per saperne di più e consultare le tabelle

 

http://www.infodata.ilsole24ore.com/2015/10/26/redditi-dei-professionisti-gap-di-genere-al-top-tra-avvocati-e-commercialisti/

 

L'Ordine di Salerno conta 469 iscritti di cui 378 uomini , 90 donne pari al 19 % in linea con il dato nazionale e 1 società.

Il Consiglio dell’Ordine, anche per il 2015, ha riproposto l'agevolazione riservata alle colleghe in attesa e neomamme. Sensibile alle difficoltà che le colleghe incontrano per l’esercizio dell’attività professionale durante la gravidanza e nei primi mesi di vita del neonato, ha riservato una riduzione della quota associativa che è posta alla sola parte di competenza del Consiglio Nazionale e della Federazione Regionale

In evidenza

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per essere sempre informato sui temi di interesse della categoria.

Formazione online

Cerca nel sito

contatore visite

1141977
OggiOggi536
Mese correnteMese corrente14984
TotaleTotale1141977
US

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo